hotel fermo
hotel porto san giorgio  hotel porto san giorgio  hotel porto san giorgio
Prenota ora
Valore non valido

Porto San Giorgio

Scopri cosa vedere a Porto San Giorgio durante il soggiorno nel nostro hotel sul mare

Situata nella fascia costiera delle Marche, la città di Porto San Giorgio confina da tre lati con il comune di Fermo e ad est con il mare Adriatico.
Porto San Giorgio si caratterizza per le sue lunghe ed ampie spiagge di sabbia, con numerose strutture ricettive e un porto turistico ben attrezzato.

Cenni storici

  • Storia di Porto San Giorgio

    Storia di Porto San Giorgio

    La storia di Porto San Giorgio è strettamente legata a quella della vicina città di Fermo in quanto ne costituifa il porto. Il primo centro abitato si sviluppò da un gruppo di pescatori che si stabilirino in questa zona dopo l'arrivo dei barbari.

    Successivamente il castello passò prima al Capitolo dei canonici del Duomo di Fermo, poi al comune di Fermo, assumendo in un secondo momento un duplice aspetto: fortezza contro i pericoli che giungevano dal mare e sentinella a difesa della giurisdizione fermana sulla costa.

    Nel 1362 fu eretta, a difesa del porto, una fortificazione che scandita da torri merlate. Il baluardo (oggi in parte ancora visibile) venne realizzato parallelo alla costa per chiudersi alle estremità da mura che arrivavano fino al mare.

    Nel 1741 la Congregazione Fermana stabilì che Porto San Giorgio fosse considerata un castello distinto da Fermo e nel 1782 il Governo Pontificio concesse il possesso dei territori che vanno dal Tenna all’Ete.
    L'autonomia comunale di Porto San Giorgio risale al periodi Napoleonico. Mentre il nome attuale gli venne dato da Papa Pio IX nel 1857.

Monumenti e Chiese

  • Rocca Tiepolo

    Rocca Tiepolo

    La rocca, fatta erigere nel 1267 dal podestà di Fermo Lorenzo Tiepolo, si erge alle spalle della Chiesa di San Giorgio.
    La rocca, di forma quadrangolare con un mastio e merli guelfi, svolgeva il ruolo di vedetta e di difesa di tutto il litorale. Recentemente è stata ristrutturata ed ora è sede, specialmente d'estate, di manifestazioni culturali teatrali di arte drammatica.

  • Teatro Comunale

    Teatro Comunale

    Il Teatro comunale di Porto San Giorgio, già Teatro Vittorio Emanuele II, fu inaugurato nel 1817, dopo cinque anni di lavori con architetto progettista Giuseppe Locatelli. Conta 278 posti, di cui 150 in platea e 128 nei tre ordini di palchi.

    Tra gli anni '50 e '60 dell'800 il teatro venne ristrutturato da Mariano Piervittori di Foligno con nuove decorazioni e nuove scene.
    Con l'avvento dell'Unità d'Italia il teatro inizia una nuova e più rigogliosa esistenza e fu commissionato il nuovo sipario sulla quale venne rappresentato un avvenimento patriottico strettamente legato alla città di Porto San Giorgio: l'entrata in città di Vittorio Emanuele II, avvenuta pochi mesi prima.

    Sulla facciata si nota la scritta: CASTIGAT RIDENDO MORES (-la satira- corregge i costumi deridendoli) di Jean de Santeul (1630-1697), latinista francese. Gli affreschi del plafone sono dedicati alle arti teatrali.
    Davanti alla balaustra, sono rappresentate le arti teatrali. Partendo dall'ingresso e procedendo verso sinistra troviamo: la Musica, la Danza, la Tragedia e la Commedia. Al centro di ogni gruppo viene raffigurato un trono dedicato alla Musa che guida quella arte ed un motto. Le quattro arti sono intervallate da quattro mezzi busti che raffigurano i maggiori poeti greci che hanno più di altri trattato i quattro temi.

  • Villa Bonaparte

    Villa Bonaparte

    Villa Bonaparte è una nobile dimora edificata agli inizi dell’800 per girolamo Bonaparte, fratello di Napoleone.

    La villa, con una vasta tenuta che arrivava al mare, è in puro stile neoclassico ed è ornata da bassorilievi con trofei d’armi. E’ conosciuta anche come Villa Caterina, dal nome della moglie di Bonaparte, Caterina di Württemberg che definiva Porto San Giorgio un vero “paradiso terrestre”. La villa fu confiscata nel 1831 per divergenze politiche con il confinante Re di Napoli, e venduta poco tempo dopo alla nobile famiglia Pelagallo di cui oggi porta il nome.

Cosa vedere a Porto San Giorgio

  • Paese vecchio

    Paese vecchio

    Alla fine della via principale, partendo da Piazza San Giorgio, è possibile ammirare un arco a sesto acuto, posto a guardia dell'antico porto. Poco più avanti, sulla sinistra, un altro arco vigila sulla parte moderna della città! Passeggiando tra i caratteristici vicoli del paese vecchio si respira aria di mare e si distinguono chiare le tracce indelebili della storia...

  • Museo del mare

    Museo del mare

    Nata nel 2012 all'interno di una struttura cittadina, la raccolta viene trasferita in un secondo momento al piano terra della Villa degli Oleandri (sua sede attuale). Il museo prende forma da molte opere appartenute alla collezione privata di Stefano Campussè.

  • Villa degli Oleandri

    Villa degli Oleandri

    Di proprietà del Comune, in passato questa villa veniva utilizzata per l'organizzazione di feste, concerti e balli. Immersa in un ampio giardino, tempo fa, conservava anche un magico cinema all'aperto. Oggi vi trovano spazio invece, oltre al Museo del mare, numerose manifestazioni estive come: mostre, esposizioni, feste, spettacoli teatrali.

  • Chiesa della Madonna del Carmine

    Chiesa della Madonna del Carmine

    Chiesa della seconda metà del Seicento, presenta una unica navata e alcune importanti opere. L'altare custodisce una tela datata 1695 raffigurante la Madonna del Carmine, San Giovanni Evangelista e San Nicola da Tolentino che intercede per le Anime del Purgatorio, opera di Francesco Trevisani. A destra e a sinistra troviamo due statue che raffigurano la Fede e la Carità. Nella parte alta si scorge un'opera di Filippo Ricci datata 1760 e raffigurante l'Educazione della Vergine. La chiesa conserva anche una tavola di Vincenzo Pagani (Crocifissione con l'Addolorata Santa Maria Maddalena, San Girolamo e San Giovanni Evangelista).

  • Chiesa del Santissimo Rosario

    Chiesa del Santissimo Rosario

    Costruita nel 1728 questa Chiesa presenta tre navate. Di particolare interesse sono: una statua dei primi anni del 1700 raffigurante la Madonna del Rosario e l'affresco del catino absidale realizzato dal sangiorgese Sigismondo Nardi alla fine del 1800 raffigurante una Madonna con Bambino e angeli.

  • Palazzo Comunale

    Palazzo Comunale

    Al suo interno è conservata una tela datata 1775 raffigurante San Giacomo fra due Santi, opera di Gaetano Gandolfi.

  • Porto Turistico

    Porto Turistico

    Nel 1500 la pesca si faceva con le tecniche dette "a tratta" e a "pelago". Alla metà del XVII secolo Porto San Giorgio vantava un numero considerevole di tartane (grandi barche). Tra la fine del XVII e gli inizi del XVIII troviamo lungo la costa la presenza di imbarcazioni ancora più grandi (per dimensioni) delle tartane. Intorno al 1850 l'attività peschereccia assume un aspetto più tecnico ed organizzato. Il primo pontile d'attracco fu realizzato nel 1954. Oggi quello di Porto San Giorgio è il più grande porto turistico dell'Adriatico con una superficie di 140.000 mq ed in grado di ospitare circa mille barche. Costruito nel 1984 ha ottenuto negli anni ben nove bandiere blu dalla Comunità Europea come riconoscimento di efficienza, organizzazione e pulizia.

Piazza San Giorgio

  • Chiesa di San Giorgio

    Chiesa di San Giorgio

    Costruita nel 1830 a fianco della torre dell'orologio e ai piedi di Rocca Tiepolo su progetto è dell'architetto Ildebrando Giunchini. Davanti alla facciata, che risulta incompiuta, doveva trovarsi un portico con colonne doriche. L'interno a tre navate è cadenzato da colonne ioniche. Nell'abside una bella scultura di Giorgio Paci raffigurante San Giorgio con il drago.

  • Chiesa dei Morti

    Chiesa dei Morti

    Realizzata nel secolo XVIII è collocata adiacente alla chiesa di San Giorgio. La struttura è preceduta da una sorta di atrio, dove, sulla facciata esterna, si notano dei bassorilievi. Sopra l'ingresso (sempre dell'atrio) troviamo lo stemma dell'arcivescovo di Fermo Cesare Brancadoro.

  • Torre dell'Orologio

    Torre dell'Orologio

    Costruita nel 1829 nella piazza principale in sostituzione di un'altra torre purtroppo demolita nel 1820. Ogni cittadino, e perché no, ogni turista di passaggio butta un occhio al sul maestoso e puntuale amico.

  • Fontana della Democrazia o dell'Abbondanza

    Fontana della Democrazia o dell'Abbondanza

    Nel 1897 fu costruito l'acquedotto per la città di Porto San Giorgio, e, per celebrare l'importante evento, si pensò di chiedere ad Alfonso Bernardini di realizzare una scultura che celebrasse per sempre un'opera così rilevante per tutti i cittadini. Nella parte alta dell'intero impianto scultoreo, posta sopra un globo, si erge maestosa una figura femminile (immagine allegoria della democrazia) che regge nella mano destra un melograno e in quella sinistra delle spighe di grano, simboli rispettivamente di fecondità e abbondanza.

Ville Liberty

  • Stile Liberty a Porto San Giorgio

    Stile Liberty a Porto San Giorgio

    Grazie ad uno sviluppo edilizio notevole, avvenuto lungo la costa tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo, Porto San Giorgio può vantare un numero considerevole di eleganti edifici in stile Liberty realizzate appunto nei primi anni del Novecento. Passeggiando per la città se ne trovano diverse, quasi in ogni via. Come ad esempio la preziosissima Villa delle Rose. Costruita nel 1921, presenta all'esterno delle finissime decorazioni in maiolica, mentre all'interno, ad arricchire ogni angolo, è l'Art Nouveau. Nel 1947 la villa fu donata alle Canossiane le quali recuperarono tutta la struttura che risultò gravemente danneggiata alla fine del secondo conflitto mondiale.

Tradizioni locali

  • Vongolopolis

    Vongolopolis

    Tutela del pescato locale, enogastronomia, promozione della tipicità, storia cittadina, tradizioni rinnovate. Tutto questo è "Vongolopolis". E molto altro ancora! Dopo la splendida esperianza del 2012, anno in cui abbiamo presentato per la prima volta alla città e ai turisti l'iniziativa dedicata al pesce azzurro, "Vongolopolis" torna ad essere tra i protagonisti della nostra estate. E' un progetto di cui andiamo orgogliosi, nel quale abbiamo messo tutta la passione che abbiamo per il mare e per il mondo marinaro sangiorgese e regionale, che non finiscono mai di regalarci emozioni, alla scoperta di grandi tesori culturali ed enogastronomici. "Vongolopolis" è anche il nostro omaggio alla marineria sangiorgese, che vanta una tra le più importanti flotte delle Marche e conta dalle 35 alle 50 vongolare presenti nel nostro porto peschereccio. Quest'anno il programma di "Vongolopolis" si arricchisce ancora: quattro giorni che coinvolgeranno tutta la città, senza trascurare gli aspetti più importanti del nostro patrimonio ittico: dalla storia all'educazione, dalla conoscenza scientifica al benessere, alle degustazioni di altissima qualità, per chiudere ogni appuntamento con prestigiosi eventi musicali, spettacoli e intrattenimenti. Il rilancio turistico e culturale di Porto San Giorgio passa anche per manifestazioni ad alto profilo come "Vongolopolis", nelle quali sono protagonisti gli aspetti culturali, educativi, storici, economici ed enogastronomici del nostro splendido mare.

  • Maccheroncini e vongole

    Maccheroncini e vongole

    Un piatto che fonde il gusto della tradizione, col profumo del mare

    Dall'artigianalità dei mastri pastai di Campofilone, alla tradizione marinara di Porto San Giorgio, i "Maccheroncini & Vongole" sono un piatto dal sapore unico ed inconfondibile che unisce il sapore genuino della tradizione Campofilonese al gusto tipico delle vongole dell'Adriatico.

    Assaggiateli durante le calde giornate al mare o nelle fresche serate delle colline Marchigiane e lasciatevi sedurre da uno dei vini tipici del nostro territorio. Potrete così gustare a pieno il fascino di una terra senza tempo e lo spettacolo di una tradizione eno-gastronomica senza eguali.

  • Turismo

    Turismo

    Settore trainante dell'economia di Porto San Giorgio è sicuramente il turismo: antica città di mare, è infatti meta in estate di villeggianti provenienti da tutta Italia ed Europa.

    La spiaggia di Porto San Giorgio è una delle più attrezzate della Riviera Adriatica: mare cristallino, spiaggia vellutata con sabbia finissima, bassi fondali, rendono Porto San Giorgio perfetta per le famiglie.

  • Pesca

    Pesca

    Porto San Giorgio, nel corso dei secoli, è divenuto un polo peschereccio e turistico di primaria importanza.

    Durante le vacanze a Porto San Giorgio potrete ammirare una cospicua flotta di pescherecci: la pesca è prevalentemente a strascico, ma vi si effettua anche la pesca dei molluschi con draghe manuali e la “piccola pesca”.

  • Brodetto Sangiorgese

    Brodetto Sangiorgese

    Per gli amanti delle tradizioni culinarie e per chi ama il pesce e la buona cucina, un appuntamento assolutamente da non perdere è quello con il... vero brodetto alla sangiorgese!
    Il Comune di Porto San Giorgio ha infatti codificato per il brodetto la Denominazione Comunale d'Origine e lo ha portato sulle tavole dei ristoranti sangiorgesi.

    Nella ricetta De.Co. non si possono utilizzare pesci congelati, pesci non dell’Adriatico centrale (sarebbe meglio se provenissero dallo specchio d’acqua della marineria sangiorgese), e tutti gli altri ingredienti devono essere locali.
    La ricetta ufficiale prevede dunque lo sgombro, il gattuccio e/o palombo, il merluzzo, il suro, lo scorfano, il sanpietro, il gronco, la triglia, il merlano, la baraccola (o razza), la rana pescatrice, la tracina, la gallinella di mare, il pesce prete, il moscardino, la mazzancolla, il cefalo e il granchio. Si devono scegliere almeno 13 diverse specie di questi pesci, e si dovrà accompagnarli con pomodori verdi, prezzemolo, aceto, peperoncino, olio e sale.

  • Pro Loco in festa

    Pro Loco in festa

    Ogni anno a Luglio, Porto San Giorgio vi aspetta con la Pro Loco in festa: artigianato, gastronomia, tradizioni, musica e spettacolo pirotecnico.

Web Marketing e Siti Internet Omnigraf - Web Marketing e Siti Internet